L'Emilia Romagna distribuisce gratuitamente piante per tutti (cittadini, associazioni ed enti pubblici). Tutte le informazioni per aderire all'iniziativa: come e dove ritirare le piantine, quante e quali specie mettere a dimora.

Attenzione! I signoli cittadini possono piantare alberi e arbusti solo in aree di proprietà privata.

 

La Regione Emilia-Romagna ha messo in campo il progetto "Mettiamo radici per il futuro" con il quale intende favorire la piantumazione di 4,5 milioni di alberi nei prossimi cinque anni, uno per ciascuno dei suoi abitanti, per fare diventare l’Emilia-Romagna il “corridoio verde” d’Italia.

Le prime 500 mila piante saranno piantate già quest’anno e cresceranno nei giardini privati e delle scuole, in aree pubbliche e private. L’obiettivo di questa importante iniziativa è estendere la superficie boschiva in Emilia-Romagna grazie alla creazione di “infrastrutture verdi” nelle città, ripristinare l’ecosistema naturale in pianura sviluppando le aree boschive e le foreste in generale, realizzare nuovi boschi e piantagioni forestali in prossimità dei corsi d’acqua, riqualificare sistemi agroforestali, siepi e filari in un contesto di valorizzazione del paesaggio e di fruizione pubblica del territorio.
Un progetto che avrà un ruolo fondamentale anche per la lotta ai cambiamenti climatici e per il miglioramento della qualità dell’aria.

Su scala regionale questa iniziativa si sviluppa su tre azioni tematiche:
    Azione A - Rigenerazione urbana delle città, riqualificazione verde urbano e  forestale (2,5 milioni di piante)
    Azione B - Progetti a tema per realizzazione di nuovi boschi, corridoi ecologici e sistemi agroforestali (1 milione piante)
    Azione C - Interventi per la mitigazione di infrastrutture, interventi compensativi e di riqualificazione paesaggistica e altre piantagioni forestali (1 milione piante)

 

icona_persone.png Per i cittadini, le associazioni, gli enti

Come e dove ritirare le piante, quante e quali specie mettere a dimora, perché e per quanto tempo conservarle: tutte le informazioni

 

icona_palazzi.png Per le imprese 

Le imprese possono partecipare sottoscrivendo un accordo con un Comune o un ente territoriale della regione: ecco come

Torna all'inizio del contenuto